Spaltung.

30 novembre 2015 § 6 commenti

Ho separato e ordinato, in un impeto di follia da congelamento in atto, impossibilità di dormire, inevitabilità delle azioni inutili.

Questo genere di cose mi appare di fondamentale importanza e investo questi momenti di significato e simbolicità, sperando di caricarli del potere necessario per cambiare tutto, le cose, i giorni, me.

Quello che ho scritto è incomprensibile e va tutto bene, rimando la camicia di forza che ora ho compagnia.

C’è musica e un litro d’acqua quasi finito che mi gela dall’interno, spero che siamo arrivati a quel punto estremo in cui non puoi far altro che tornare indietro. Fino al capo dell’altro estremo. Sperando che duri.

(Da un fondo all’altro. Continuando a scavare per trovare le fossa che dia i risultati sperati.)

Per rendere il primo paragrafo meno assurdo, ho separato i blog in modo che il passato rimanesse col suo nome, dato che questo non gli si addiceva e gli ultimi post erano tentacoli impazziti e pensieri senza una direzione, e il presente possa muoversi liberamente secondo la mia incostanza logorroica e insicura. E in un campo di nuovo neutro l’assenza di direzione non è più una stonatura che non riesco ad ignorare.

Per quanto il titolo sia lapidario in realtà sento i tempi passati e presenti completarsi senza combattersi. Ogni cosa nella sua scatola. Con l’etichetta.

Forse adesso trovo un po’ di sonno.

Annunci

§ 6 risposte a Spaltung.

. . .

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Spaltung. su .

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: